portale internet  di informazione e promozione delle aziende vinicole italiane

 

il Veneto e i suoi vini

Homepage
le aziende vinicole
BELLUNO
PADOVA
ROVIGO
TREVISO
VENEZIA
VERONA
VICENZA
Rassegna dei vini d'Italia
i consorzi di tutela
manifestazioni
news
I Vitigni della regione
I Vini Doc - Docg
I Vini Igt
Disciplinari di produzione
associazioni

L'Azienda in Primo Piano

 

L'Etichetta della settimana

 
 

l'Evento del momento

Logo Cantine Aperte

Aziende News

Aziende News

Aziende News

     

 

 

Il Vitigno:
Corvina veronese

Chiamata anche: Corvina gentile, Cruina.
Vitigno principale dell’uvaggio dei vini della Valpolicella, può entrare nella composizione dei vigneti fino all’80%.
Caratteristiche ampelografiche:
Portamento: semieretto
Foglia: media, pentalobata, con seno peziolare a lira o a “U” leggermente aperto.
Grappolo: medio, con peso di circa 200 – 250 grammi, cilindrico – piramidale, alato.
Acino: di medie dimensioni, ellissoideo; buccia spessa e consistente, blu – nera, pruinosa.
Fenologia e caratteristiche agronomiche:
La Corvina è varietà a germogliamento tardivo e maturazione medio tardiva (fine settembre – inizio ottobre). La vigoria è buona e la produttività costante; caratteristica specifica del vitigno è la scarsa fertilità delle gemme basali del tralcio, pertanto la Corvina necessita di forme di allevamento con rinnovo annuale del tralcio e potatura lunga. Mediamente sensibile alle crittogame della vite ma notevolmente sensibile allo stress idrico e alle scottature da sole degli acini.
Buona l’attitudine delle uve all’appassimento.
Storia:
Non si conoscono le origini precise della Corvina, ma le prime notizie sulla sua coltivazione in Valpolicella sono riportate dal Pollini nel 1824. Sicuramente è un vitigno legato alla viticoltura veronese fin dall’antichità, essendo la varietà principale sia dell’uvaggio Valpolicella che del Bardolino.
Selezione clonale:
Considerando le antiche origini della Corvina abbiamo una notevole variabilità genetica che ha permesso di selezionare numerosi cloni. Oggi riconosciute sono le selezioni clonali: Rauscedo 6, ISV-CV 7, ISV-CV 13, ISV-CV 48, ISV-CV 78, ISV-CV 146. Tra queste le più diffuse, per le apprezzate attitudini enologiche, sono ISV-CV 7, ISV-CV 48 e, in misura minore, ISV-CV 13.
Portinnesti:
Ottima l’affinità d’innesto con Kober 5BB, SO4 e 420A; buona
con 1103P, 140 Ru e 41B.

doc docg

Bardolino DOC D.M. 28/05/68 (G.U. n. 186 del 23/07/68)

Lungo tutto l’arco collinare morenico, in provincia di Verona, si coltivano, da tempo immemorabile, i vitigni locali dalle cui uve, in adatte proporzioni, si ottiene questo vino che ha preso il nome dal paese Bardolino. Prodotto con il Corvina veronese, Rondinella, Molinara, Negrara e con l’eventuale aggiunta di Rossignola, Barbera, Sangiovese e Garganega (15%), è un vino rosso rubino chiaro tendente a volte al cerasuolo che si trasforma in granato con l’invecchiamento; odore vinoso con leggero profumo delicato; sapore asciutto, sapido, leggermente amarognolo, armonico, sottile, talvolta leggermente frizzante. Gradazione minima: 10,5°. Uso: da pasto. Quando proviene dalla zona di origine più antica può portare in etichetta la specificazione "classico". Qualora le uve vengano vinificate parzialmente in bianco ed il suo colore tende al cerasuolo, può portare la dizione "Chiaretto". Il tipo "superiore" ha una gradazione minima di 11,5° e un anno di invecchiamento obbligatorio. Sia il "Bardolino", che il "Bardolino Classico" che il "Chiaretto" possono essere prodotti nel tipo "spumante" dalla spuma sottile con grana fine e persistente; colore rosa tendente al granato con l’invecchiamento; odore vinoso con leggero profumo delicato; sapore secco, sapido, leggermente amarognolo. Gradazione minima: 11,5°. Il vino "Bardolino" imbottigliato entro il 31 dicembre dell’annata di produzione delle uve viene designato in etichetta con il termine "novello" e presenta le seguenti caratteristiche: colore rosso rubino chiaro; odore vinoso intenso, fruttato; sapore asciutto, sapido, leggermente acidulo, talvolta leggermente frizzante. Gradazione minima: 10,5°. Uso: da pasto.

 

i portali dedicati alle denominazioni

www.bardolino-doc.it   www.valpolicella-doc.it

PUBBLICATI

www.irpinia-doc.it www.barberadasti-docg.it
www.grecoditufo-docg.it  www.barolo-docg.it
www.bardolino-doc.it www.valpolicella-doc.it
www.collio-doc.it - www.ruche-doc.it
- www.asti-docg.it
www.collibolognesi-doc.it - www.soave-doc.it
www.taurasi-docg.it - www.falernodelmassico-doc.it
www.fianodiavellino-docg.it -
www.sicilia-igt.it
www.conegliano-valdobbiadene-doc.it
- www.franciacorta.org
www.brunellodimontalcino.d0cg.it - www.barbaresco.d0cg.it
www.contessaentellina-doc.it  - www.lugana-doc.it

 

 

Aziende consigliate

         
         

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  affiliate


 
VINI-ITALIA.IT - OLI-ITALIA.IT  TIPICODITALIA.IT - DORMIREINITALIA.COM  ISAPORIDISICILIA.COM ART1.IT D0C.IT - D0CG.IT

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

Vini d'Italia Art Advertising non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti