portale internet  di informazione e promozione delle aziende vinicole italiane

 

 

 

Homepage

 

Ripensare la carta dei vini per rilanciare i consumi
Se ne parla in una tavola rotonda a Venezia. Lunedì 21 febbraio la Strada dei Vini DOC Lison Pramaggiore promuove la Tavola rotonda: “Il Vino nella Ristorazione privilegiando il Territorio”. Focus sulle Carte dei Vini dei ristoranti

Il calo della vendita di vino nei ristoranti è sotto gli occhi di tutti. Tra le ragioni della tendenza - oltre alla ben nota paura dell'alcol test - non è da trascurare una certa disaffezione verso l'acquisto del vino in bottiglia, spesso sostituito dal più semplice ed immediato vino della casa. La strada per il rilancio dei consumi passa allora anche attraverso una riformulazione delle Carte dei Vini.
Se ne parlerà lunedì 21 febbraio alle ore 15 alla tavola rotonda “Il Vino nella Ristorazione privilegiando il Territorio”, promossa dalla Strada dei Vini DOC del Lison Pramaggiore a Palazzo Ca' Corner di Venezia. Si confronteranno Paolo Marchi, ideatore e curatore di Identità Golose; Enzo Vizzari, responsabile delle guide de L'Espresso; Claudio De Min, ispettore Veneto della guida Gambero Rosso; Riccardo Penzo, curatore della guida Ristoranti Che Passione e Dino Marchi, presidente di Ais Veneto. Moderatore del dibattito: Fabio Piccoli. 

Il punto di partenza sarà quello dell'inadeguatezza delle carte dei vini oggi per lo più in uso nei ristoranti, organizzate per macrocategorie (spumanti, bianchi, rossi, dessert) e suddivise per regione. Dal dibattito della tavola rotonda è attesa la formulazione di modelli alternativi, in cui i vini possano essere proposti in abbinamento ai piatti e non semplicemente elencati. Laddove la gastronomia ha sposato il territorio, con ricette locali e i cosiddetti ingredienti a chilometri zero, anche l'offerta dei vini dovrà essere coerente con questa scelta, con una valorizzazione reciproca tra cucina e cantina che possa condurre ad un circolo virtuoso.

“Credo che oggi – spiega Francesca Amadio, presidente della Strada dei Vini del Lison Pramaggiore – si debba cercare un nuovo modello di relazione tra produttori vinicoli e ristorazione, in grado di rispondere alle nuove esigenze dei consumatori. Dagli esperti che abbiamo interpellato ci attendiamo di comprendere se e come la critica gastronomica prende in considerazione le carte dei vini anche in relazione alla presenza di produzioni enologiche del territorio, a beneficio di tutta la filiera”.

L'evento è aperto al pubblico. Al termine è prevista una degustazione, curata da Ais Venezia, con i vini del Lison Pramaggiore abbinati a piatti del territorio preparati dall'Associazione Cuochi e guidata dal giornalista enogastronomico Fabrizio Nonis.

Per informazioni e adesioni: info@stradavini.it oppure al numero 393-4831441.

 

Fonte © Oliovinopeperoncino Per Gentile concessione

   
 

contatti

 

Adesione al portale

   


 
VINI-ITALIA.IT - OLI-ITALIA.IT  TIPICODITALIA.IT - DORMIREINITALIA.COM  ISAPORIDISICILIA.COM ART1.IT D0C.IT - D0CG.IT

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

Vini d'Italia Art Advertising non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti