portale internet  di informazione e promozione delle aziende vinicole italiane

 

 
Homepage
indice disciplinari
produttori
elenco aziende

DISCIPLINARI DI PRODUZIONE
BIANCO PISANO DI SAN TORPE’
DOC

BIANCO PISANO DI SAN TORPE’
D.M. 14/LUGLIO/1997
D.O.C.


Art 1
La denominazione di origine controllata “Bianco Pisano di San Torpé” è riservata ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione.
Tali vini sono i seguenti:
“Bianco Pisano di San Torpé” tipo bianco
“Bianco Pisano di San Torpé” tipologia Vin Santo e/o riserva
Art 2
La denominazione di origine controllata “Bianco Pisano di san Torpé” è riservata ai vini ottenuti da uve di vitigni, raccomandati e/o autorizzati rispettivamente per le province di Pisa e di Livorno, provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Trebbiano toscano minimo 75%
Possono concorrere alla produzione di detto vino altri vitigni a bacca bianca fino ad un massimo del 25%.
Art 3
le uve destinate alla produzione del vino a denominazione di origine controllata “Bianco Pisano di San Torpé” debbono provenire dalla zona di produzione che comprende l’intero territorio amministrativo dei seguenti comuni:
Casciana Terme Capannoli Chianni Crespina
Lari Palaia Ponsacco Terricciola
Nonché parte del territrorio amministrativo dei seguenti comuni:
Cascina Fauglia Lajatico Lorenzana Montopoli
Valdarno Peccioli Pontedera Santa Luce
San Miniato
In provincia di Pisa
e parte del comune di:
Collesalvetti in provincia di Livorno.
Tale zona, già delimitata dal D.P.R. 18/05/1973 è la seguente:
partendo dalla località Bocca d’Elsa, sul confine provinciale Pisa – Firenze, la linea di delimitazione scende verso sud seguendo detto confine provinciale fino alla carreggiabile che passa per Serra, quota 91 in comune di Peccioli e piegando ad ovest percorre la strada che per Cedri, Montelopio, Fabbrica di Peccioli, scende nella valle dell’Era.
Per una carrareccia raggiunge il molino Ripassaia, Tonaca (quota 80) e raggiunge il fiume Era per la strada campestre, ne costeggia la riva destra verso sud – est e lo supera all’altezza del guado, quindi prende la strada che porta a cà di Molino (quota 80).
Per la carrozzabile raggiunge Fabbri, attraversa il torrente Ragone e sale a nord – est per la strada statale Volterrana fino al km. 14,250, piega quindi ad ovest e seguendo la carrareccia per Ragoncino e Colle dell’Asino attraversa il botro al Piano, sotto quota 98.
Poi segue la carreggiabile, passando a nord di Vezzano, cà San Valeriano e cà San Francesco e risalendo a nord raggiunge il torrente Fosce, che risale verso sud per 500 metri fino alla carrareccia che porta a il Casino, da qui per il podere Trieste passa sotto Montaute e si identifica con il rio Cecinella che risale per 500 metri piegando quindi a nord fino ad un piccolo affluente di sinistra del rio stesso proveniente da quota 255; passando sotto Piano delle Vigne segue un sentiero a nord – ovest che scende nel torrente Sterza.
Da questo punto la delimitazione risale il suddetto torrente che è anche il confine comunale di Chianni con Lajatico e poi di Riparbella, giungendo all’estremo sud del comprensorio, dove il rio Gusciane si immette nello Sterza a nord di quota 460.
La delimitazione risale quindi a nord – ovest, indi a nord seguendo sempre il confine del comune di Chianni fino a quota 527, sotto monte Prunicca; da qui volge ad ovest e per quota 462 ed il botro Riseccoli arriva al lago Solvay nel punto di immissione del botro suddetto.
Percorre la riva est del lago, risale un tratto del fiume Fine fino al botro del Ricavo fino a quota 93, piega a nord – ovest e per quota 139 e la Pieve di Santa Luce raggiunge quota 102, quindi segue la strada che passa per quota 133 e che costeggia il tratto pianeggiante della riva destra del fiume Fine, si collega con la carrareccia che sale a quota 122, dove ritrova e risale il fiume Fine fino all’incrocio con la via Santa Luce e Lorenzana che percorre verso nord fino a quando nei pressi di cà Sant’Alberto, non trova il confine comunale Santa Luce – Casciana Terme che segue sempre verso nord fino a toccare quello di Lorenzana che costeggia per 200 metri a sud.
Quindi per la carreggiabile passa per Toraglia, Petruccaia 1° e 2° e risale verso nord – ovest a cà Disperato per poi ridiscendere a sud – ovest di cà Mandriacce fino ad incontrare nuovamente il confine comunale prima di Lorenzana e poi di Fauglia e, passando per Pozzavilla raggiunge la ferrovia Cecina – Pisa.
Attraversando la ferrovia risale verso nord – est per quota 44 piega verso nord – ovest per Mezzastrada, cà Larignano e quota 108, gira a nord intorno a Postignano e raggiunge la strada Torretta – Acciaiolo al km. 0,800.
Arrivando a Torretta segue la statale Pisana – Livornese a nord fino al km. 16,500 e raggiunge il casello ferroviario.
A questo punto entra nella provinciale di Livorno seguendo la ferrovia Pisa – Cecina fino all’incrocio con la statale 67 bis (Km 11,000).
La delimitazione volge ora ad est e percorre la strada statale n. 67 – bis fino al passaggio a livello di Fornacette, segue quindi la linea ferroviaria Pisa – Firenze fino al passaggio a livello di La Rotta; poi si immette nuovamente nella Tosco – Romagnola fino al 25,500 che percorre fino a san Romano.
Da qui piega a nord, tocca la stazione ferroviaria e, andando quindi a destra per cà Guicciardini, arriva a Ponte e Egola discende il fiume Egola fino al confine della provincia e lo segue fino a Bocca d’Elsa.
Art 4
 le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata “Bianco Pisano di san Torpé” devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve e ai vini derivati le specifiche caratteristiche di qualità.
Sono pertanto da considerarsi idonei i terreni di giacitura e di orientamento adatti, con esclusione di quelli di fondovalle, particolarmente umidi.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura debbono essere quelli generalmente usati, e comunque quelli atti a non modificare le caratteristiche delle uve e dei vini.
E’ esclusa ogni pratica di forzatura. E’ consentita l’irrigazione di soccorso per non più di due volte all’anno prima dell’invaiatura.
I nuovi impianti ed i reimpianti debbono prevedere un numero minimo di
2.500 ceppi/ettaro.
La resa massima di uva ad ettaro ammessa per la produzione dei vini di cui all’art. 1, non deve essere superiore a:
12,00 tonn./ettaro in coltura specializzata.
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la produzione massima per ettaro di vigneto in coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto all’effettiva superficie coperta dalla vite, e comunque non deve essere superiore in media a
4,800 kg./ceppo.
Nelle annate favorevoli i quantitativi di uve ottenuti e da destinare alla produzione dei vini a DOC “Bianco Pisano di San Torpé” devono essere riportati nei limiti di cui sopra, fermi restando i limiti resa uva/vino per i quantitativi di cui trattasi, purché la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi.
Art 5
 Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all’interno dell’intero territorio amministrativo dei comuni compresi in tutto o in parte nella zona di produzione di cui all’art. 3.
Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare al vino DOC “Bianco Pisano di San Torpé” un titolo alcolometrico volumico naturale minimo di:
10,50% vol.
La resa massima dell’uva in vino finito non deve essere superiore al 70%.
Qualora superi questo limite, ma non il 75%, l’eccedenza non ha diritto alla denominazione di origine controllata.
Oltre il 75% decade il diritto alla denominazione di origine controllata per tutto il prodotto.
Nella vinificazione, che deve avvenire come d’uso in assenza di vinacce, sono ammesse soltanto le pratiche enologiche locali, leali e costanti atte a conferire ai vini le proprie caratteristiche.
Per eventuali operazioni di arricchimento deve essere utilizzato esclusivamente il mosto concentrato e rettificato.
Il vino a DOC “Bianco Pisano di San Torpé” non può essere immesso al consumo prima del:
31 gennaio dell’anno successivo a quello della vendemmia.
Art 6
 I vini a DOC “Bianco Pisano di San Torpé” all’atto dell’immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
colore: paglierino più o meno intenso;
profumo: vinoso, vivace, armonico;
sapore: seco, delicato. Armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 5,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 16,0 g/l;
E’ in facoltà del Ministero per le politiche agricole – Comitato nazionale per la tutela e la valorizzazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini, modificare, con proprio decreto, i limiti minimi sopra indicati per l’aidità totale e l’estratto secco netto.
Art 7
Le uve idonee alla produzione del vino a denominazione di origine controllata “Bianco Pisano di San Torpé” possono essere destinate alla produzione della tipologia “Vin Santo” e debbono assicurare al vino un titolo alcolometrico volumico naturale minimo di:
16,00% vol.
Le operazioni di vinificazione del vino a d.o.c. “Bianco Pisano di San Torpé Vin Santo” devono seguire il tradizionale metodo che, in particolare, precede quanto segue:
l’uva, dopo aver subito un’accurata cernita, deve essere sottoposta ad appassimento in locali idonei e raggiungere un contenuto zuccherino non inferiore a:
26,00%.
E deve poi essere ammostata non prima del:
1° dicembre dell’anno di produzione delle uve
e non oltre il:
31 marzo dell’anno successivo.
E’ ammessa una parziale disidratazione con aria ventilata;
la resa massima di uva fresca in Vin Santo finito non deve essere superiore al 35%
La conservazione e l’invecchiamento del vino a d.o.c. Bianco Pisano di san Torpé Vin Santo” debbono avvenire in appositi locali ed in recipienti di legno (caratelli) di capacità non superiore a 200 litri.
L’immissione al consumo del “Vin Santo” non può avvenire prima del
1° novembre del terzo anno successivo a quello di produzione delle uve
L’immissione al consumo del “Vin Santo riserva” non può avvenire prima del:
1° novembre del quarto anno successivo a quello di produzione delle uve.
Al termine del periodo di’invecchiamento il prodotto deve avere un titolo alcolometrico volumico totale minimo di:
16,00% vol.
Le operazioni di invecchiamento devono avvenire all’interno della zona di vinificazione delle uve.
All’atto dell’immissione al consumo i vini a DOC “Bianco Pisano di San Torpé Vin Santo” devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
colore: dal dorato all’ambrato intenso;
profumo: etereo, intenso, aromatico, caratteristico;
sapore: amabile o secco, armonico con retrogusto caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 16,00% vol.;
acidità totale minima nel tipo secco: 4,5 g/l;
acidità totale minima nel tipo amabile: 5,0 g/l;
acidità volatile massima: 1,6 g/l;
estratto secco netto minimo: 23,0 g/l;
Art 8
 Nella designazione e presentazione del vino a DOC di cui all’art. 1, è vietato l’uso di qualificazioni aggiuntive diverse da quelle previste dal presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi: extra, fine, scelto, selezionato, vecchio, invecchiato e similari.
E’ consentito l’uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l’acquirente.
E’ consentito altresì, in conformità alle norme vigenti, l’uso di indicazioni geografiche e toponomastiche aggiuntive che facciano riferimento ad unità amministrative, frazioni, aree, zone, località dalle quali effettivamente provengono le uve da cui il vino così qualificato è stato ottenuto, purché le comprese nella zona delimitata nel precedente art. 3.
L’indicazione “Vin Santo” e/o “Vin Santo riserva” può essere posizionata in etichetta al di sopra della denominazione di origine controllata “Bianco Pisano di san Torpé”.
E’ consentito riportare in etichetta le qualificazioni “secco”, “abboccato”, “amabile”, “dolce”, nel rispetto della normativa comunitaria in materia di etichettatura dei prodotti.
I vini a DOC “Bianco Pisano di San Torpé Vin Santo” e/o riserva debbono essere immessi al consumo esclusivamente in bottiglie da 0,375, 0,500, 0,750 litri di capacità e chiusi con tappo di sughero raso bocca.
Sui recipienti deve sempre figurare l’indicazione dell’annata di produzione delle uve.

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Aziende consigliate

         

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  inserite


 
VINI-ITALIA.IT - OLI-ITALIA.IT  TIPICODITALIA.IT - DORMIREINITALIA.COM  ISAPORIDISICILIA.COM ART1.IT D0C.IT - D0CG.IT

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

Vini d'Italia Art Advertising non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti